Spedizioni gratuite per ordini superiori a € 50,00

Dermatite Atopica: lavori in corso

Una equipe di professionisti del settore medico ha guidato i tanti partecipante nei meandri di questo disturbo molto comune, diffuso prevalentemente nei bambini ma anche tra gli adulti.

Andiamo con ordine: che cos’è la dermatite atopica? La DA è definita come una infiammazione cutanea recidivante pruriginosa, ciò significa che alterna periodi di esacerbazione a periodi di latenza. Le cause scatenanti questo disturbo sono definite multifattoriali, ovvero dipendono innanzitutto da predisposizione genetica, seguono contesto ambientale e il modo in cui il sistema immunitario reagisce ai fattori esterni.
E’ importante ricordare che la dermatite atopica NON è dovuta ad allergie alimentari, cambiando la dieta del soggetto interessato o eliminado particolari alimenti potenzialmente allergizzanti la condizione non migliora.

Cosa comporta? La pelle nella dermatite atopica può essere considerata come una barriera che “fa male il suo lavoro”: causa prurito, rossore, gonfiore e desquamazione della pelle.

dermatite atopica_pelle

La pelle di un soggetto sano costituisce un’ottima barriera che lo protegge dall’attacco di agenti esterni, regola il livello di idratazione del corpo mantenendo il giusto livello di evaporazione.
La pelle del soggetto atopico, invece, può essere considerata come un puzzle incompleto, in cui le varie tessere non sono al loro posto. Inevitabilmente la barriera che viene a mancare favorisce una spropositata evaporazione acquea, la pelle risulta secca e sfaldata lasciando libero accesso all’attacco degli allergeni esterni.

Gli allergeni dell’acaro della polvere, a questo punto, trovano libero accesso per attaccare la nostra pelle. Oltre ai classici problemi causati a livello respiratorio, essi vengono annoverati tra i maggiori responsabili dell’esacerbazione delle lesioni cutanee.

A questo punto bisogna capire come trattare al meglio la pelle danneggiata; qual è la corretta profilassi da adottare per un soggetto con dermatite atopica? Una cura efficace richiede un approccio sistematico e multidisciplinare.

Ciò significa che tra gli aspetti più importanti che vanno affrontati vi è:

• la detersione e l’idratazione della cute
• l’uso di corretti emollienti
• la terapia topica con i corticosteroidi
• la prevenzione ambientale e l’eliminazione degli allergeni
• l’aspetto educazionale

Diversi fattori ambientali sembrano avere un ruolo nella DA ed in particolare nelle sue riacutizzazioni.

Cosa fare?
• Evitare irritanti meccanici e chimici (es. lana, saponi forti, articoli da toilette contenenti alcool o profumi). Optare per detergenti a basso contenuto di sostanze “critiche”, adatti per pelli sensibili e per l'igienizzazione dei vostri indumenti e dell’ambiente domestico.
• Le misure di profilassi anti-acaro andrebbero sempre raccomandate nei pazienti sensibilizzati agli acari e con un quadro di DA non controllata dalla terapia topica.
• Non ci sono evidenze conclusive per raccomandare di tenere un animale domestico o di allontanarlo se già presente in casa allo scopo di prevenire la comparsa di sensibilizzazione e DA.
• Adattare la terapia emolliente a seconda delle caratteristiche climatiche dell’area (umidità relativa, esposizione solare, temperatura).

Inoltre, all’utilizzo di corticosteroidi e creme specifiche va associata la pratica del bendaggio umido (wet-wrap therapy), indispensabile nella terapia per combattere il prurito e far agire emollienti e corticosteroidi. Applicare l’unguento sulla pelle, coprirlo con apposito bendaggio inumidito con acqua tiepida, successivamente coprire con un secondo strato di garze asciutte. Quando si effettua il bendaggio umido è bene scegliere un tessuto dalle alte prestazioni  che - da una parte - combatta e inibisca la proliferazione batterica (e combatta la formazione dei pericolosissimi Staphylococcus Aureus e Staphylococcus Epidermidis), e - dall’altra - sia assolutamente sicuro per la pelle.

 

*disclaimer: affidarsi sempre al parere esperto di un medico specialista.

Test clinici
attestano l'efficacia dei nostri prodotti
Catalogo Allergosystem
Sfoglia o scarica
FAQ
Leggi le domande