Spedizioni gratuite con corriere espresso in tutta Italia - Reso GRATUITO                                                    

I falsi miti del sonno sono leggende e credenze popolari che, contrariamente a ciò che si crede, contribuiscono all’instaurarsi di cattive abitudini, che possono causa di problemi di salute. 

Dormiamo per almeno un terzo della nostra vita e avere cura del proprio sonno e riposo è indispensabile per la vita sia lavorativa sia sociale. Sappiamo che i falsi miti del sonno sono duri da smantellare, per questo abbiamo deciso di stilarne una lista di miti da sfatare subito per iniziare a dormire bene. 

Bisogna dormire almeno 8 ore a notte

Falso! Ogni persona ha un bisogno di sonno diverso. C’è chi con 5 ore di sonno è riposato e pieno di energie e chi ha bisogno di 9 o 10 ore di sonno per essere ben riposato. Il bisogno di sonno cambia con l’età: i neonati dormono fino a 16 ore al giorno, un giovane adulto ha bisogno di 8 ore al giorno di sonno mentre un adulto dai 40 anni in su dorme sotto le 7-8 ore di media. Gli anziani hanno un sonno ancora più breve e frammentato, motivo per cui si addormentano spesso anche durante il giorno. 

Recuperare con un pisolino durante il giorno o dormendo di più la notte successiva

Se dormiamo di giorno, faremo più fatica ad addormentarci la sera e potremmo non avere un sonno continuativo durante la notte. Il sonno arretrato verrà recuperato dal nostro organismo in modo molto naturale rendendo il sonno della notte seguente più profondo del solito. Ecco perché non c’è bisogno di dormire un numero maggiore di ore per recuperare il sonno perduto. 

Ricordiamo sempre che il buon riposo si misura in qualità, non qualità. 

Guardare la Tv a letto è un buon modo di rilassarsi prima di andare a dormire

Falso! Per riposare correttamente bisognerebbe rinunciare alla TV e dispositivi mobili prima di andare a dormire. La luce blu emessa dagli schermi inibisce la produzione dell’ormone del sonno, la melatonina, e perché alcune trasmissioni (serie tv, film e/o telegiornale) possono indurre ansia e stress.

Per alzarsi presto al mattino è meglio andare a letto prima del solito, anche se non si ha sonno

Falso! Andare a letto presto senza avere sonno non porta nessun beneficio. Questo può creare una situazione di insonnia e potremmo passare la notte a girarci e rigirarci nel letto senza riuscire ad addormentarci. Il sonno arriva da solo, o magari potremmo aiutarlo con attività rilassanti prima di andare a letto e senza preoccuparci delle ore di sonno che abbiamo a disposizione. 

Abituare il corpo a dormire meno per rendere di più 

Dormire non è una perdita di tempo e decidere di passare meno ore a letto a riposare non comporta alcun tipo di beneficio in termini di rendimento. Anzi, per migliorare le proprie performance c’è bisogno di dormire meglio le giuste ore. 

Dormire di più significa dormire meglio 

Come già detto, il sonno ha bisogno di qualità per essere rigenerante. Studi confermano che dormire più di otto ore stimola la letargia e l’eccesso di sonno è riconosciuta una malattia, dall’ipersonnia idiopatica alla narcolessia. 

Per riposare basta dormire il giusto numero di ore

Abbiamo un orologio biologico regolato sui ritmi circadiani (giorno/notte), che fa sì che la notte sia il tempo migliore per dormire. Il sonno ha degli orari in cui è più efficace e ristoratore: sono i “cancelli del sonno”. Dormire in orari diversi la sera o il pomeriggio potrebbe essere controproducente e scombussolare la regolarità del nostro ritmo circadiano. 

Meglio passare tutta la notte in bianco e dormire poche ore 

Falso! È sempre bene dormire per beneficiare di alcune ore di sonno. Questo è fondamentale nel poter svolgere le attività del giorno seguente senza incorre in problemi di sonnolenza o calo dell’attenzione. 

Russare è solo fastidioso 

Falso! È il sintomo di un’ostruzione delle vie respiratorie che crea vibrazioni e fa rumore. Solitamente viene associato ad un disturbo più grave: le apnee notturne, che bloccano il flusso di aria nei polmoni e per reazione il nostro corpo si sveglia. Sono un disturbo dovuto a diverse cause (dall’obesità alle disfunzioni anatomiche) e che si manifesta con l’interruzione della normale respirazione durante il riposo, diminuendo il corretto apporto di ossigeno. 

L’alcol aiuta il sonno 

Sedativo sì, ma l’alcol non è un amico del sonno. Bere un bicchierino prima di coricarsi può aiutare ad addormentarsi ma rende il sonno più leggero, agitato e disturbato da numerosi e frequenti risvegli. È importante ricordare che l’alcol disidrata l’organismo e quindi è probabile che ci faccia svegliare con la voglia di bere acqua e di conseguenza il bisogno di andare in bagno frequentemente. 

Ti capita di non dormire bene? Potresti essere allergico all’acaro della polvere! 

Se hai difficoltà ad addormentarti la sera, soffri di difficoltà di respiro, disturbi alla pelle o del sonno e quando ti alzi la mattina hai naso chiuso, occhi arrossati, allora potresti essere allergico all’acaro della polvere e i suoi allergeni. Sono minuscoli organismi, invisibili all’occhio umano, che vivono nei nostri materassi, cuscini e imbottiti vari e creano fastidi e allergie ai soggetti con cui entrano in contatto. 

Come combattere l’allergia all’acaro della polvere e dormire bene?

Con coperture da letto antiacaro. Infatti, il modo più efficace consiste nell’utilizzo di biancheria da letto isolante antiacaro. La trama del tessuto è molto fitta e funge da vera e propria barriera.

Gli spazi tra un filo e l’altro di tessuto sono più piccoli dell’allergene per trattenerlo e non farlo così fuoriuscire.

Allergosystem ha ideato coprimaterassi e copricuscini antiacaro innovativi per proteggere i tuoi materassi e cuscini. Un rimedio sicuro contro l’allergia agli acari della polvere, certificato ed efficace.

Prodotto aggiunto alla lista dei desideri
Prodotto aggiunto alla comparazione