Benvenuta Primavera!

Approfitta delle offerte Allergosystem, sconti fino al 60% su tutti i prodotti di misure standard!

Per ordini superiori a 120 € ricevi in omaggio il Cuscinetto ortopedico gambale 100% cotone antiacaro

Promozione valida fino a lunedi 15 aprile a mezzanotte

Spedizioni gratuite per ordini superiori a 50,00 € in tutta Italia con corriere espresso - RESO GRATUITO

Chi soffre di allergia all’acaro della polvere deve fare ogni giorno i conti con la cura dell’ambiente circostante: umidità, aria viziata e cumuli di polvere presenti in una stanza rappresentano delle minacce da non sottovalutate, perché è proprio in contesti caldi, umidi e in cui sia presente una ghiotta fonte di cibo (la polvere domestica) che gli acari proliferano e si diffondono.

Eppure, oltre alle caratteristiche ambientali, esiste almeno un altro aspetto verso cui sarebbe doveroso porre una certa attenzione: l’alimentazione.

Alcuni cibi presentano infatti caratteristiche simili a quelle che appartengono agli acari della polvere e possono contribuire ad acuire i sintomi tipici dell’allergia nei soggetti predisposti. Scopriamo più in dettaglio quale ruolo eserciti l’alimentazione sull’allergia all’acaro della polvere e quali cibi sarebbe preferibile ridurre o eliminare dalla propria dieta.

Come l'alimentazione influisce sull'allergia agli acari

Le persone allergiche all’acaro della polvere possono manifestare i sintomi tipici dell’allergia anche in seguito all’ingestione di specifici alimenti. Ma perché questo avviene?

La risposta è piuttosto semplice. Esistono alcuni cibi che presentano molecole e proteine simili a quelle dell’acaro della polvere; noi vi entriamo in contatto attraverso il loro ingerimento, e il sistema immunitario, dopo averle riconosciute, attiva la sua risposta contro quelle sostanze che ritiene essere dannose per l’organismo. In questo caso si parla di una reazione allergica crociata tra acari della polvere e alimenti.

Nella maggior parte dei casi i sintomi che si manifestano in seguito a una reazione allergica crociata sono circoscritti all’irritazione delle labbra e della bocca, con una sensazione di prurito o pizzicore diffusa che può arrivare a interessare anche il palato e la gola. Questa condizione è nota in medicina come sindrome orale allergica (SOA) e rappresenta una delle allergie alimentari più comuni e diffuse. Nei soggetti particolarmente sensibili i disturbi possono essere ben più seri e manifestarsi anche attraverso problemi respiratori o, nel peggiore dei casi, shock anafilattico.

Acari e allergie crociate: i cibi da evitare

Fare attenzione a quel che si mangia diventa quindi molto importante per chi è allergico all’acaro della polvere. Per questi individui, gli alimenti potenzialmente in grado di scatenare una reazione allergica crociata, e che quindi andrebbero evitati, sono:

  • Crostacei (gamberi, aragoste, scampi ecc.)
  • Molluschi (calamari, seppie, cozze, vongole ecc.)
  • Lumache di terra

Naturalmente la risposta allergica e gli alimenti scatenanti possono variare da individuo a individuo e non tutte le persone allergiche all’acaro della polvere presentano necessariamente un’allergia crociata agli alimenti. 

Il consiglio resta comunque quello di evitare cibi potenzialmente pericolosi e di fare attenzione alla comparsa di qualunque sintomo sospetto.

I sintomi a cui fare attenzione in caso di allergia crociata

È possibile rendersi conto di soffrire di un’allergia crociata? Spesso i sintomi sono così lievi da passare inosservati e non destare alcuna preoccupazione. A rendere il riconoscimento ancora più complicato contribuisce il fatto che le reazioni allergiche, laddove invece si manifestino, compaiano per cause apparentemente non correlate tra loro: le persone allergiche all’acaro della polvere, ad esempio, sono abituate ad effettuare un controllo rigoroso sul proprio ambiente domestico e in particolare su quegli spazi in cui acari e polvere potrebbero accumularsi e proliferare. Per contro, non sono avvezze a controllare l’alimentazione, o meglio, non è frequente, per loro, pensare che anche il cibo potrebbe rappresentare una minaccia.

In alcuni casi, invece, il legame tra alimenti e acari della polvere, purtroppo, esiste. Di conseguenza, per chi soffre di un’allergia all’acaro riconosciuta esiste la necessità di prestare maggiore attenzione anche a ciò che si mangia. 

I sintomi di un’allergia crociata compaiono dopo aver ingerito uno o più alimenti scatenanti, e generalmente si manifestano attraverso:

  • Prurito e pizzicore a labbra, palato e gola
  • Edema e gonfiore a labbra, lingua e gola
  • Orticaria
  • Disturbi respiratori

È importante non sottovalutare alcun disturbo e riconoscere prontamente quelli che possono rappresentare dei segnali-spia: eliminare dalla propria dieta i cibi responsabili delle reazioni allergiche crociate permetterà di ridurre da subito i sintomi dell'allergia all’acaro della polvere, migliorando la qualità della vita dei soggetti sensibili.

Come ridurre i sintomi dell'allergia all'acaro della polvere

L’allergia all’acaro della polvere comporta una gamma di sintomi che, soprattutto nel lungo periodo, possono impattare notevolmente e in negativo sul normale svolgimento della vita quotidiana di chi ne soffre.

Rinite allergica, orticaria e disturbi del sonno rappresentano una sintomatologia molto comune per chi è allergico all’acaro della polvere. Se, chiaramente, non è possibile intervenire direttamente sulle cause dell’allergia, la prevenzione e una corretta profilassi ambientale possono aiutare enormemente nella gestione e nella riduzione dei sintomi ad essa associati.

Se anche la dieta può nascondere diverse insidie, prevenire significa sicuramente anche effettuare un buon controllo sui cibi che vengono assunti ed eliminare quelli che possono dare origine a una reazione allergica crociata.

Ciò che davvero è indispensabile per i soggetti allergici, però, è sicuramente provare a ridurre al minimo il rischio di entrare in contatto con gli acari della polvere e con i loro allergeni. Come fare? Tenere pulito l’ambiente domestico, eliminare quotidianamente la polvere, assicurare un buon ricambio d’aria in casa e utilizzare biancheria antiacaro certificata in tutte le stanze sono azioni necessarie per ottenere dei benefici sulla propria salute e tenere a bada i sintomi dell’allergia all’acaro della polvere.

Le trapunte, i coprimaterassi e tutti i prodotti della linea letto antiacaro Allergosystem sono realizzati impiegando tessuti anallergici, traspiranti e garantiti da 2 fino a 20 anni di utilizzo. La trama fittissima dei filati che adoperiamo per dare vita alle nostre coperture antiacaro è progettata in modo tale da impedire il passaggio degli acari della polvere, assicurando in questo modo il massimo del comfort e della protezione alle persone allergiche all’acaro della polvere.

La nostra azienda crede nella cura del benessere quotidiano e si impegna per renderlo accessibile a tutti. In che modo? Semplice, abbattiamo i costi delle fasi intermedie della filiera e puntiamo alla vendita diretta a te per conciliare qualità e convenienza.

Scopri il nostro catalogo e prenditi cura di te e del tuo riposo.

Prodotto aggiunto alla lista dei desideri
Prodotto aggiunto alla comparazione

Entra a far parte della famiglia Allergosystem

Accedi a sconti esclusivi e consigli per proteggerti dagli acari e vivere meglio

Iscriviti subito alla newsletter
e ricevi uno sconto di benvenuto del 10%